Summer Corner 2017

Centri Estivi, Camp Musicali, Vacanze Musicali, Centri Estivi equestri, Centri estivi creativi.
Tutto ciò che stavi cercando; trova quello più vicino a te o che stuzzica il tuo interesse.

,

Yama Ranch Camp

/
Dal 12 giugno al 28 luglio, fatti coinvolgere nello Yama Camp, il centro estivo equestre per bambini e ragazzi. Attività di maneggio e scuderia, giochi e laboratori in mezzo alla natura... Scopri di più!
,

Centri Estivi Grumolo 2017

Ogni giorno vivremo fantastiche avventure in compagnia di Peter Pan e Campanellino, in ogni angolo dell’Isola che non c’è: ci inoltreremo nella natura alla scoperta del nascondiglio dei bambini sperduti, entreremo nel Vulcano, nuoteremo nella Baia, combatteremo nel Covo dei Pirati e danzeremo assieme agli indiani.
,

English Pop Camp 2017

/
All’ English Pop Camp apprendere una lingua straniera avrà un sapore diverso: attraverso lezioni dinamiche, divertenti e piene di fantasia, si forniranno gli elementi linguistici indispensabili per affrontare, senza timidezza, una vera e propria conversazione in inglese. Clicca qui e scopri di più!

l’idea, che forma!

Le attività estive sono luoghi e momenti in cui si incontrano i bisogni di socializzazione e di crescita del bambino/ragazzo e le intenzionalità pedagogiche, didattiche ed educative dell’educatore. Esso genera relazioni significative ed esperienze di vita.

Le attività di laboratorio che lo caratterizzano, sportive, musicali e ricreative che siano, si fondano su una metodologia che mette al centro la relazione educativa e che considera il “valore del gioco” come strumento pedagogico fondamentale nei processi di crescita di ogni bambino e ragazzo. Il lavoro educativo viene svolto sul gruppo ed è finalizzato alla crescita personale di ciascuno, con l’obiettivo di consolidare la personalità, di migliorare il rapporto con gli altri, di acquisire senso critico e apertura nei confronti della vita e del reale.

L’associazione di promozione sociale Pop Corner Academy, che incoraggia la socializzazione mediante un tempo libero creativo e formativo, si concentra sull’attuazione di centri ricreativi estivi che possano vedere realizzato il quadro descritto, con l’obiettivo di mettere in campo nuove strategie educative sempre coerenti con l’evoluzione della società moderna.

Pop corner in un camp estivo è

  1. Socialità
  2. Divertimento
  3. Educazione

come si fa? la cassetta degli attrezzi

  • il gioco, soprattutto se c’è “scontro”, competizione tra i ragazzi, con attenzione alla frequente naturale tendenza ad esasperare lo scontro, che può diventare occasione per riflettere proprio su questi eccessi;
  • consiglio di squadra, momento in cui i bambini/ragazzi si confrontano alla pari su questioni inerenti la loro squadra, sia pratiche (tattiche di gioco, ecc..) sia di altra natura (litigi, problemi, ecc.) è un tempo prezioso per far emergere difficoltà e conflitti e risolverli faccia a faccia;
  • Gran consiglio: viene convocato quando la questione da risolvere riguarda tutto il gruppo di ragazzi – tipo situazioni di confusione/slealtà nel gioco, persone prese di mira da tutti, ecc. à importante impostare bene le regole della discussione ed eventualmente prepararla prima con i singoli interessati per un problema particolare;
  • laboratori manuali, che vengono il più delle volte impostati in maniera da rendere necessaria la collaborazione – ad esempio, per la falegnameria si lavora sempre a coppie – anche per una questione di praticità;
  • Le competenze portare dagli educatori, i quali hanno bagagli esperienziali, didattici e formativi che toccano vari ambiti e possono essere un ulteriore strumento per il raggiungimento degli obiettivi del CRE;
  • L’ambientazione, l’elemento fondamentale di un CRE Pop Corner: i campi seguono un’ambientazione fantastica, dove tutte le attività sono contestualizzate in un ambiente fantastico noto ai ragazzi, perlopiù ispirato alla tradizione delle favole/avventure della letteratura o del cinema. Durante la settimana gli educatori fanno delle scenette, con vestiti ed effetti speciali, per evocare l’ambientazione fantastica.

Per chi?

Le attività proposte si diversificano nelle seguenti fasce d’età:

Prima fascia: dal primo al terzo anno della scuola dell’infanzia;

Seconda fascia: dalla prima alla quinta (scuola primaria);

  • I destinatari finali del progetto sono i bambini identificati nelle due fasce; la divisione suddetta permette di elaborare percorsi distinti in base ai differenti bisogni educativi.
  • I destinatari intermedi sono tutte quelle realtà con cui si cercherà di collaborare per realizzare al meglio gli obiettivi:
  1. Amministrazione pubblica: al fine di proporre ed attuare nuove strategie di socializzazione e di promozione del territorio;
  2. Comunità: coinvolgimento in progetti e manifestazioni per la promozione dell’agio e del benessere del bambino durante l’anno per continuare il rapporto educativo con i bambini; contraccambiare la fiducia delle famiglie e dell’amministrazione comunale con la disponibilità di servizio per manifestazioni ed iniziative paesane;
  3. Genitori: incontri e consulenza sulla realtà del bambino per promuovere la discussione e il confronto su problematiche comuni legate al mondo dei propri figli;
  4. Associazioni del territorio: collaborazione attiva per favorire la crescita del territorio e migliorarne la qualità della vita.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*