Laboratori creativi per bambini

dai 3 ai 11 anni

About

I percorsi Holi sono laboratori creativi tenuti da Giulia Bogoni, pittrice e artista eclettica, che accompagnano il bimbo e/o il ragazzo alla riscoperta di sè attraverso la pratica artistica e la sperimentazione.
In base al percorso scelto, il partecipante viene stimolato da contenuti sempre diversi che aprono sentieri nelle possibili vie di espressione artistica e creativa.

Da ottobre proponiamo delle lezioni il sabato mattina per tutti i genitori che vogliono far provare ai propri figli un momento creativo e di espressioni libera durante la settimana. Prenota gratuitamente nella sezione qui sotto.

Le passioni sono grandi emozioni che scuotono la nostra vita, la catturano e la spingono verso mete meravigliose

giulia bogoni

artista ed educatore creativo

È un’artista poliedrica che lavora con le arti figurative donando ad oggetti di arredo per la casa e oggetti di uso comune la sua precisa impronta stilistica che li rende unici ed inimitabili.

Giulia Bogoni lavora con i bambini anche nell’ambito della danza, aiutando i più piccoli ad esprimersi e ad emozionarsi attraverso l’arte e la performance artistica.

Per Pop Corner Academy segue i laboratori creativi, tutto il comparto scenografie per gli spettacoli, di realizzazione di quadri in stile Pop Art per i soci e per il pubblico, ed è a disposizione per personalizzare strumenti musicali, custodie e tutta l’oggettistica legata alla scuola e alla musica.

Holi

Il suo nome è Holi, ma è conosciuta in tutto il mondo come la “Festa dei Colori”. È una delle più importanti festività della religione induista, ed anche una della feste più amate da tutta la popolazione indiana.

Viene celebrata in ogni parte dell’India, ma anche in altri paesi con una grossa presenza induista, come il Nepal, il Pakistan, lo Shrilanka e molti altri. È una festa che coinvolge tutti indistintamente: i partecipanti sono persone di ogni età, sesso ed estrazione sociale.
Il giorno di Holi cade l’ultimo giorno di luna piena del mese induista chiamato Phalgun, che corrisponde più o meno al periodo che va da metà febbraio a metà marzo. I festeggiamenti, tuttavia, iniziano già dal giorno prima e, in alcune regioni dell’India, possono prolungarsi fino ad una settimana.

Anche l’abitudine di lanciarsi addosso polveri colorate trae origine da una leggenda induista, che parla del grande amore fra Krishna e Radha. Si narra che un giorno Krishna, geloso per la bellezza della pelle della sua amata Radha, decise di dipingerle la faccia, per renderla più simile alla propria. Proprio per questo, nel giorno di Holi gli innamorati usano dipingersi il volto a vicenda, in modo da sancire i propri reciproci sentimenti.
Dopo la giornata di frenetici festeggiamenti, la sera le persone si riuniscono con i propri parenti e amici, si scambiano auguri e regali, mangiano Shakarpari (dolce tipico della festa, fatto con farina, acqua e olio, inzuppato di sciroppo) e trascorrono assieme gran parte della notte, in modo da condividere questi momenti di gioia con le persone a cui vogliono più bene.